Confronti sul Crowdfunding al TechnologyBIZ 2013

Cosa sia davvero in Crowdfunding lo scopriremo solo vivendo. I cambiamenti e le opportunità che per sua natura genera rendeno sempre più interessanti le occasioni di confronto.
Al Tecnology BIZ 2013, manifestazione dedicata all’incontro tra impresa e operatori della tecnologia e innovazione, ci si è confrontati sulle modalità di finanziamento del Crowdfunding, analizzando le piattaforme italiane e la normativa nazionale in materia di equity Crowdfunding.
 
Sono intervenuti sull’argomento:
– Nicola Ucciero, responsabile  Responsabile Relazioni Esterne della piattaforma partenopea DeRev
–  Alessandro Brunello, Produzioni Dal Basso
– Valeria Romanelli, R&R Consulting
– Maurizio Imparato, Crowdfunding Formazione 
– Mariangela Contursi, Campania Innovazione Spa
 
Si è discusso con passione presentando le due piattaforme ed i cambiamenti in corso.
Alessandro Brunello ha raccontato  come sia nata Produzioni dal Basso e quanto sia legata a Napoli, che la sceglie per condividere progetti e attività fortemente legate, nei primi anni di attività, al mondo dei vinili.
La musica, si sa è aggregante e anche on line la comunità appare decisa, presente e pronta a scegliere. Nel tempo le richieste sono aumentate e ci si è interrogati sulle nuove opportunità e sull’uso dello strumento del Crowdfunding.
Qui alcuni passaggi del suo intervento  Immagine anteprima YouTube
Immagine anteprima YouTube
Nicola Ucciero si è invece soffermato sull’importanza di dare valore al progetto e alla complessità da valutare per presentare un progetto, che deve selezionare in modo adeguato obiettivi, modalità di sviluppo, sistemi di ricompense.
Qui alcuni passaggi del suo intervento Immagine anteprima YouTube
Intenso, accorato e complesso l’intervento di Valeria Romanelli che ha saputo cogliere l’importanza della selezione degli strumenti di promozione di un progetto non solo on line, raccontando come siano stati finanziati alcuni progetti di riqualificazione di opere d’arte attraverso il coinvolgimento dei parroci di quartiere.
Immagine anteprima YouTube
Tra gli intervenuti alcuni hanno espresso le loro curiosità sull’equity crowdfunding e sulla validità della disciplina di una materia così complessa come il crowdfunding focalizzando l’attenzione ad un caso particolare come lo start up aziendale.
Foto:studio fotografico di Giusva Cennamo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: